Chronology of the Devotion


  • Calendario mensile riguardante gli avvenimenti più significativi circa il culto di Santa Filomena.

     

     

    1. Premessa

     

    Lo scopo di questo lavoro è dare una base solida ai fedeli che venerano Santa Filomena. Scopo di questo capitolo è permettere ad ogni fedele di farsi guidare lungo l’anno dagli eventi che hanno caratterizzato la diffusione del culto della Santa. Essi sono  raccontati in modo cronologico in modo che tutti i fedeli possano sentirsi in sintonia nel venerare santa Filomena

     

    1. Festività durante l’anno liturgico

     

    2.1. Gennaio

     

    • 1837, giorno 30: Gregorio XVI approva solennemente il Decreto della Sacra Congregazione dei Riti del 6 settembre 1834, col quale si concedeva al clero secolare e regolare della diocesi di Nola di recitare il giorno 11, agosto l’Ufficio con la Messa de Virg. et Mart., primo loco con la quarta Lezione propria in onore di S. Filomena V. e M.
    • 1841, giorno 1: Gregorio XVI con Decreto della Sacra Congregazione dei Riti elevò a rito doppio di seconda classe senza Ottava l’ufficio di S. Filomena V. e M. nella propria chiesa di Mugnano.
    • 1855, giorno 11: Pio IX con Decreto della Sacra Congregazione dei Riti approvò e concesse il nuovo Ufficio proprio con la Messa propria in onore di S. Filomena V. e M. al clero di Mugnano, col rito doppio di seconda classe.
    • 1857, giorno 15: Pio IX con decreto della Sacra Congregazione dei Riti ad istanza di Mons. Formisano Vescovo di Nola, estese al clero secolare e regolare della diocesi nolana la concessione di celebrare col rito doppio minore l’Ufficio proprio colla Messa in onore di S. Filomena V. e M., già approvato e concesso al clero di Mugnano e diverse diocesi.
    • 1866, giorno 31: L’abate Monnin, uno dei massimi esperti della vita del curato d’Ars, visita Il Santuario di Mugnano e celebra la Messa all’altare della Santa.
    • 1905, giorno 8: San Pio X affermò che “il più grande argomento a favore del culto di S. Filomena era il Curato d’Ars” (Cfr. J. M. Martinez, Luz y fuerza).

     

     

    2.2. Febbraio

     

    Nessun evento registrabile.

     

    2.3. Marzo

     

    • 1826, giorno 15: Leone XII con Decreto della sacra Congregazione dei Riti concede di poter celebrare la sola Messa solenne de Communi Virginum et Mart., nel giorno della festa di S. Filomena nel suo santuario di Mugnano del Cardinale, purché non sia domenica fissa, ovvero occorra ufficio doppio di prima classe.
    • 1965, giorno, 16: La devota Maria Mulcahy, ricevuta in udienza privata da Paolo VI, gli consegna circa seimila richieste di devoti perché si riprenda in considerazione il decreto del 1961.
    • 1965, giorno, 23: La segreteria di Stato di sua Santità Paolo VI comunica alla Signorina Mulcahy che il Papa ha passato alla Sacra Congregazione dei Riti la petizione fatta dai devoti dell’Irlanda.

     

    2.4.  Aprile

     

    • 1835, giorno, 11: Maria Cristina di Savoia, col marito Ferdinando II, viene in Mugnano per impetrare la grazia della fertilità.
    • 1839, giorno, 16: Gregorio XVI con Decreto della sacra Congregazione dei Riti concede al clero di Mugnano di recitare l’ufficio di S. Filomena V. e M. nella sua festa con rito di doppio maggiore.
    • 1846, giorno, 9: Morte di don Francesco De Lucia
    • 1859, giorno, 2: Il curato d’Ars, per reperire i fondi necessari alla costruzione della basilica in onore di S. Filomena in Ars, scrive: “Io pregherò il buon Dio per quelli che mi aiuteranno a costruire una bella chiesa a Santa Filomena. Jean Vianney, Curato d’Ars”.  La chiesa fu terminata nel 1881 dopo la morte del curato.

     

    2.5. Maggio

     

    • 1802, giorno, 24: Probabile ritrovamento della tomba con le insegne di una santa martire da parte dei fossori, che per questo motivo riferirono, secondo le istruzioni, al secondo custode, don Filippo Ludovici.
    • 1802, giorno, 25: Ritrovamento del corpo di S. Filomena nella catacomba di Priscilla in Roma, alla presenza di molti testimoni, di don Filippo Ludovici e certamente di un altro prete; apertura della tomba, ritrovamento delle ossa, della ampolla col sangue e conservazione delle tre tegole recanti la scritta “FILUMENA PAX TECUM FI” e raffigurazione delle insegne del martirio: l’ancora, le frecce, la palma, e un giglio.
    • 1835, giorno, 31: Basilici visita il Santuario e consegna l’attestato della moltiplicazione delle reliquie di Santa Filomena al Rettore del santuario.
    • 1843, Primi giorni di maggio: guarigione del Santo Curato d’Ars.
    • 1843: Guarigione miracolosa in Ars dell’ecclesiastico De Moulins, tisico all’ultimo stadio.
    • 1912, giorno ,21: Pio X estendeva a tutta la Chiesa l’Arciconfraternita di santa Filomena.

     

    2.6. Giugno

     

    • 1805, giorno, 30: Ordinazione episcopale in Roma di mons. Bartolomeo de Cesare, vescovo di Potenza, tramite la cui intercessione il De Lucia ottenne in dono le reliquie di S. Filomena.
    • 1805, giorno, 8: Dono del corpo di S. Filomena da parte di Monsignor Ponzetti al vescovo di Potenza, che a sua volta lo dona al suo amico don Francesco de Lucia.
    • 1835, giorno, 16: Il Papa Gregorio XVI riceve Mons. Basilici, che lo aggiorna sui miracoli di S. Filomena e specialmente di quello della moltiplicazione delle reliquie.
    • 1835, giorno, 17: Il prefetto della Congregazione dei riti esamina il miracolo della moltiplicazione delle reliquie. L’esito è positivo.
    • 1898, giorno, 9: Il beato Bartolo Longo con la sua consorte visitano il Santuario. Il beato serve lui stesso la messa all’altare.
    • 1906, giorno, 14: Pio X scrisse di suo pugno una benedizione per i soci dell’opera di S. Filomena.
    • 1907, giorno, 6: il Papa Pio X ricevendo l’Abbate Louis Petit afferma: “Il grande argomento in favore di S. Filomena è il Curato d’Ars”.

     

    2.7. Luglio

     

    • 1805, giorno, 7: Don Francesco De Lucia e sua eccellenza Bartolomeo De Cesare lasciano Roma portando con sé le spoglie di S. Filomena.
    • 1805, giorno, 7: Arrivo a Napoli delle spoglie di S. Filomena, che vengono accolte nella casa del libraio Terres, amico del De Cesare.
    • 1827, giorno, 24: Spedizione delle tre tegole trovate davanti alla tomba dal Papa Leone XII

     

     

    2.8. Agosto

     

    • 1805, giorno, 10: Trasferimento delle reliquie di S. Filomena a Mugnano del Cardinale.
    • 1824: Guarigione dell’avv. Serio e miracolo della frattura dell’altare
    • 1823, giorno, 10: Essudorazione della statua di S. Filomena donata al Santuario dal Cardinale Ruffo Scala
    • 1835, giorno, 10: Guarigione prodigiosa di Paolina Jaricot, fondatrice dell’Opera della Propagazione della Fede e del Rosario Vivente.
    • 1836, giorno 9: Erezione della cappella in onore di S. Filomena in Saint Gervaise a Parigi.
    • 1872: Primo pellegrinaggio nazionale ad Ars e alla Salette promossi dall’abate Thédenat.

     

    2.9.  Settembre

     

    • 1772, giorno, 19: Nascita di don Francesco De Lucia.
    • 1796, giorno, 19: Ordinazione sacerdotale di don Francesco de Lucia.
    • 1805, giorno, 29: Traslazione definitiva delle sacre reliquie nella chiesa di S. Maria delle Grazie a Mugnano.
    • 1834, giorno, 6: Leone XII concede di cantare la Messa anche in giorno di domenica, purché la festa capiti il 10 agosto, giorno della Traslazione del corpo della Santa.
    • 1846, giorno, 11: Guarigione della novizia Monestrol Dell’ordine di Santa Maddalena Maria Barat per intercessione di S. Filomena.
    • 1886, giorno, 9: Leone XIII approva la festa del patrocinio di S. Filomena (14, gennaio).
    • 1889, giorno, 24: Leone XIII accorda il titolo ed il privilegio di Arciconfraternita, per la sola Francia, all’opera di Santa Filomena.

     

    2.10.  Ottobre

     

    • 1871: L’Abate Thédenat, della diocesi di Parigi, pregando sulla tomba del venerabile J. B. M. Vianney, nelle vicinanze dell’altare di S. Filomena ricevette l’ispirazione, che diede inizio al movimento dei pellegrinaggi nazionali francesi diretti ad Ars e a Nostra Signore della Salette (Cfr. foto 25)
    • 1887, 16: Leone XIII benedice la bandiera da cui M. Petit faceva precedere i pellegrinaggi che effettuava a Paray-le-Monial, ad Ars e alla Salette.

     

     

    2.11. Novembre

     

    • giorno, 7: Pio IX si reca al santuario di Mugnano a celebrare la Messa sull’altare della Santa.
    • 1854: Su richiesta del Re di Napoli, Pio IX durante il suo soggiorno nella città partenopea dichiara S. Filomena Patrona secondaria del Regno delle Due Sicilie.
    • 1963, Giorno, 29: Ferrua riesamina positivamente l’epitaffio.

     

    2.12. Dicembre

     

    • 1833: Guarigione miracolosa della moribonda suora francescana Maria-Gesualda Garelli.
    • 1833, giorno, 21: Imprimatur del Sant’Ufficio della “Rivelazione” di Suor Maria Luisa di Gesù.
    • 1859, giorno, 9: Pio IX con Breve Pontificio concedeva al Rettore pro tempore del santuario di S. Filomena in Mugnano il privilegio di poter usare le insegne pontificali nel compiere tutte le sacre funzioni nel santuario.
    • 1883, giorno, 15: Leone XIII concesse ed indulgenziò il cordone benedetto in nome di S. Filomena.
    • 1970, giorno,  25: Viene pubblicata su La Campana, settimanale cattolico della diocesi di Nola, l’articolo di A. S. Ferrua della Società di Gesù, del 29 novembre del 1963, in cui si riesamina positivamente l’epitaffio.

     

     

    3 . Eventi di cui è noto solo l’anno

     

    • 1819: Il futuro Pio IX viene guarito dall’epilessia per intercessione di S. Filomena.
    • 1824: Prima edizione dell’opera di Don Francesco Di Lucia, Relazione istorica della traslazione del Corpo di S. Filomena V. e da Roma a Mugnano del Cardinale. Fu riedita altre sei volte entro il 1836, con appendici fino al 1843. È stata tradotta in molte lingue.
    • 1835: Prima Immagine di S. Filomena esposta nella chiesa di Saint Gervaise a Parigi (Cfr. foto 26).
    • 1837: Il S. Curato d’Ars erige un altare a S. Filomena.
    • 1837 – 1842: Santucci critica Di Lucia, De Poveda, e Petrucci.
    • 1880: Arnard Doncoeur e, successivamente, l’Abate Petit Louis e il padre Bonavenia fanno risalire il periodo del Loculo di S. Filomena alla Galleria superiore delle catacombe di Priscilla e quindi avente le caratteristiche dell’epoca apostolica.
    • 1890 – 1910: De Waal e Marucchi prospettano dubbi.
    • 1906 – 1907: Bonavenia contesta gli scritti dei due archeologi.
    • 1961: La Congregazione dei Riti espunge la festa di S. Filomena dal Calendario liturgico.
    • 1964: L. Esposito, rettore pro tempore del Santuario di Mugnano, col visto del vescovo di Nola, presenta un quesito chiedendo l’autentica interpretazione della disposizione: “Festum autem S. Philumenae …” e precisamente se con quella disposizione fosse stato tolto il solo culto liturgico oppure ogni specie di culto. Fu risposto: È stato tolto il culto liturgico, è rimasto inalterato il culto popolare. La santa può essere venerata e può essere onorata anche con la festa esterna e con la Messa dal Comune.
    • 1964: Dante Balboni pone l’accento sull’aspetto teologico.
    • 1971: Mons. Luigi Esposito pubblica il libro: “Santa Filomena Vergine romana. Notizie storiche”.
    • 1981: Pubblicazione di G. E. Mautner Markhof: “Das un-bequeme Wunder”, Poseidon press- Vienna 1981.
    • 1983: Il 25 settembre arriva al Santuario di S. Filomena Don Giovanni Braschi come Rettore.
    • 1985: Don Giovanni Braschi dà alla stampa il libro: “S. Filomena”. Poi ristampa nel 1992, 1996, 1999 e 2003.
    • 1987: Istituzione di Centri Filomeniani nel mondo, promossi dal Rettore Braschi; la promozione dell’Arciconfraternita Universale di S. Filomena e del Living Rosari negli U.S.A. e Canada.
    • 1989: Inizio Lavori di Restauro del Santuario di Santa Filomena.
    • 1990: Fondata dal Rettore Don Giovanni Braschi l’Agenzia “Lumena Travel” a Boston per l’opera di pellegrinaggi U.S.A. – ITALIA con visita obbligata al Santuario.
    • 1990: Il Rettore promuove la Pubblicazione Ufficiale della rivista “Philomena” per la Svizzera in lingua Tedesca edita dalla Theresia-Verlag (CH)
    • 1992: I° Convegno di Studi Filomeniani, coordinatore Giovanni Ariano, relatore il Vaticanista  Mons. Dante Bolboni e presiede il Vescovo di Nola Mons. Umberto Tramma.
    • 1994: Conclusione del restauro strutturale parziale del Santuario: cassettonato artistico del 1600, la sala nuova dei Martiri e Casa del Pellegrino e istallazione delle campamne nella torre torre campanaria.
    • 1996: Anno ricco di pellegrinaggi al Santuario di S. Filomena, con presenze provenienti da: U.S.A., Germania, Australia,  Angola, Guatemala, Ucraina e Ungheria.
    • 1997: Pubblicazione del Libro, inedito, di Santa Filomena in lingua Ungherese promossa dal  Rettore Braschi  “ ISMERETLEN  ISMEROS” scritto dal Dr. Golenszky O. Cist. a Budapest; inaugurazione e benedizione a KEEMET di una nuova Statua di Santa Filomena con la presenza del Rettore del Santuario.
    • 1999: Donazione da parte dell’Associazione di S. Filomena in Ungheria del quadro della  famosa pittrice Festy Masi ad opera della responsabile Perla Orvatner di Budapest.
    • 1999: Convegno Regionale nel Santuario di Santa Filomena per il Centenario della nascita della Fondatrice delle PP. OO . MM: Paulina Jaricot.
    • 1999: Meeting: Studio su Santa Filomena a Navarre Ohaio, USA. Coordinato dal Rettore Braschi e da Marie Burns responsabile del Centro Filomeniano di Glasgow- Scozia.
    • 2000: Convegno Meeting nel Centro Sociale di Margie Trua con i responsabili dei vari Centri Filomeniani  in Georgia USA. Coordinato dal Teologo Marco Miravalle dell’Università Cattolica di Stumville in Ohaio, presieduto dal Rettore dove si stabiliscono le Direttive per l’Arciconfraternita Universale.
    • 2000: Realizzazione del Portone di bronzo realizzato dall’artista Antonio Savini donato dall’amm. Comunale di Mugnano del Cardinale e benedetto dal Cardinale Luigi Poggi il 12 dicembre con la partecipazione del vescovo di Nola Mons. Beniamino Depalma.
    • 2002: Restauro pittorico nel Santuario, Sacrestia e Sala Crocifisso.
    • 2002: Donazione di una statua artistica e monumentale ad opera dello scultore Peratoner della scuola artistica di Ortisei – Bolzano dal gruppo di devoti di Austria e Bavaria (Germania).
    • 2002: Celebrazione del Centenario del Ritrovamento del Sacro Corpo di Santa Filomena. Pellegrinaggio promosso dal Rettore del santuario con la partecipazione dei Centri Internazionale e della cittadinanza Mugnanese nelle Catacombe di Priscilla in Roma.
    • 27-29 febbraio 2002: ricognizione delle Sacre Reliquie di Santa Filomena in occasione del bicentenario del ritrovamento (25 maggio 1802) nelle catacombe di Priscilla. La ricognizione fu eseguita, con la massima discrezione e scrupolosità scientifica, alla presenza di una commissione di studio delegata da Sua Ecc. l’Arciv. Beniamino Depalma, Vescovo di Nola e dal Rettore Mons. Giovanni Braschi.
    • 2003: visita del Rettore Mons. Giovanni Braschi alla casa della Vener. Paolina Jaricot in Lorette e alla sua tomba nella Chiesa di Saint-Nizier in Lione. In tale occasione fu visitato anche il Santuario di Ars.
    • 9 agosto 2003: Conferenza del Rettore Mons. Giovanni Braschi in televisione (Rai 1, programma Mattina Uno9) sul tema “I miracoli di Santa Filomena”
    • Febbraio 2004: visita ufficiale del Rettore Mons. Giovanni Braschi al centro dell’Arciconfraternita di Santa Filomena in Costa d’Avorio.
    • Maggio 2004: visita del Rettore Mons. Giovanni Braschi al centro dell’Arciconfraternita di Santa Filomena della Scozia, con messa e incontro dei devoti a Carvin Grotto – Glasgow.
    • Novembre 2004: visita del Rettore Mons. Giovanni Braschi ai vari centri e chiese degli Stati Uniti. Sono stati visitati otto Stati e precisamente: Indianapolis, Atlanta, Wisconsin, New Jersey, Washington, Arizona, Las Vegas e California.
    • Gennaio 2005: lavori di restauro della tomba di Don Francesco De Lucia. Realizzazione di un bassorilievo in bronzo, opera del Prof. Silvano Muollo, inaugurato durante la festa del Patrocinio di Santa Filomena. Inaugurazione di tutti i nuovi banchi del Santuario, donati da una devota degli Stati Uniti che ha voluto rimanere anonima.
    • Febbraio 2005: inizio dei lavori di restauro del Sacro Altare di Santa Filomena.
    • 9 aprile 2005: Convegno di Studi Filomeniani- promosso da Mons. Braschi, Rettore del Santuario, e coordinato dal Prof. Don Giovanni Ariano – nella Basilica di San Silvestro in Roma, presso le catacombe di Priscilla, con la partecipazione di vari responsabili dei Centri Internazionali Filomeniani e di noti studiosi che, con le loro dotte lucide, esaurienti relazioni hanno trattato, nei minimi particolari, la “Questione Filomeniana”.
    • Maggio 2005: visita ufficiale del Rettore Mons. Giovanni Braschi ai vari centri e chiese dell’Inghilterra, Scozia, Irlanda e Irlanda del Nord. Partecipazione del Rettore ad un grande incontro e Messa solenne nel Santuario di Knock (Irlanda).
    • 10 agosto 2005: celebrazione del Bicentenario della traslazione del Corpo di Santa Filomena da Roma a Mugnano del cardinale. Esposizione e processione del Sacro Corpo della Santa. Inaugurazione di una conchiglia con l’effigie di Santa Filomena (altorilievo in bronzo realizzato dall’artista prof. Silvano Muollo) a ricordo del suddetto bicentenario.
    • 10 marzo 2007: seconda visita ufficiale del Rettore Mons. Giovanni Braschi al centro filomeniano di Budapest (Ungheria).
    • Giugno 2008: visita ufficiale del Rettore Mons. Giovanni Braschi al centro filomeniano della Chiesa St. Daniel the Prophet in Scottsdale (Arizona – USA) e alla Chiesa di St. Bridget’s, Las Vegas (Nevada – USA)
    • 4 luglio 2008: centenario dell’incoronazione della Madonna delle grazie, con solenne celebrazione in piazza Umberto I, Mugnano del cardinale.
    • 25 settembre 2008: 25° anniversario di Rettorato di Mons. Giovanni Braschi nel Santuario di Santa Filomena.
    • Febbraio 2009: visita ufficiale del Rettore Mons. Giovanni Braschi ai vari centri e chiese degli Stati Uniti. In particolar modo il viaggio è stato organizzato per l’inaugurazione della nuova statua di Santa Filomena, posta nella chiesa di Saint Peter Chanel in Atlanta (Georgia – USA). L’opera è stata realizzata dallo scultore Gioacchino Cennamo. Il viaggio, impegnativo e proficuo, ha compreso visite anche in altri Stati
    • Per desiderio di Mons. Giovanni Braschi, da vari anni Mugnano del cardinale, nell’ultima domenica di agosto, è allietata dalla Corale Alfonsiana e dall’Orchestra Alfaterna nell’atteso concerto che è diretto dall’autorevole Maestro Padre Paolo Saturno ed è espressione del talento creativo di Padre Alfonso Vitale, compositore. Tra il Santuario di Santa Filomena ed i Padri della Congregazione del SS. Redentore, fondata da Sant’Alfonso de Liguori, intercorre da tempo un ottimo e costruttivo rapporto. Quanto riportato innanzi è, ovviamente, una minima parte di quanto posto in essere ad onore e gloria di Santa Filomena, e per la diffusione del suo culto in Italia e nel mondo.

    Una menzione del tutto speciale va adesso tributata alla nostra Suor Bertilla, al secolo Maria Giuseppe Ecclesiastico, inviata a Mugnano del cardinale il 5 agosto 1986 da Sua Ecc. Mons. Giuseppe Costanzo, Vescovo di Nola. Con dedizione ammirevole, da quasi un quarto di secolo, svolge nel nostro Santuario la sua missione, tutta volta al culto divino, alla gloria di Santa Filomena ed al servizio dei tantissimi fedeli.

     

061013_2212_CHAPTERVIII2

FIG. 25 La statua di Santa Filomena che si staglia nel paesaggio di la Salette (Francia) presso il famoso Santuario Mariano, meta di molti pellegrinaggi

 

061013_2212_CHAPTERVIII3

FIG. 26 La prima effigie di Santa Filomena esposta nella Chiesa di Saint Gervais a Parigi (1835). In Francia la devozione verso la Martire si diffuse rapidamente.

 

 



1

Subscribe To Our Newsletter

Join our mailing list to receive the latest news and updates from our team.

You have Successfully Subscribed!